Seleziona Pagina

We are of the cat

We are of the cat

Credo che stare qui a sperare ancora nella salvezza, sia esercizio inutile e fonte di grande rabbia e delusione.
Questa squadra non ha possibilità di salvare la pelle.
Perché è una squadra costruita malissimo, femmina, senza coraggio, sempre in balia dell’avversario di turno, incapace di organizzare gioco, con tre mediani in mezzo e due terzini sulle fasce a centrocampo, con almeno 5 ex giocatori che fanno i titolari, un portiere che sembra quello del calciobalilla.
Una squadra confusionaria, e, cosa più grave, in una condizione fisica imbarazzante.
La sola squadra di serie A che non corre.
Passeggia, traccheggia, fa possesso palla solo nella propria metà campo, non verticalizza mail il gioco.
Ma direi che è normale che sia così.
Perché quando un giocatore del Genoa, in pvt, dice…noi eravamo convinti che il campionato non sarebbe mai ripreso…significa una sola cosa.
Durante il lock down non hanno mosso un muscolo, e adesso ne pagano le conseguenze.
Anzi, come sempre le conseguenze della poca professionalità dei giocatori del Genoa, le paghiamo noi.
Ovvio che questi chiari di luna denotano la completa assenza della Società, quindi diPreziosi.
Si perché la Società è lui e solo lui.
Fino a che non ci vedrà il fondo, sarà così.
Tenuti in ostaggio da quest’uomo e dalle sue scelte.
Pazienza.
E’ l’ora di dire basta.
Basta perchè la serie B non è un campionato di calcio.
Basta perché sono stanco di essere umiliato da un gruppo di senza palle che indossano la mia maglia senza onorarla.
Da settembre riparte la pallanuoto.
Ho un figlio,16 anni e mezzo, che se la sta cavando piuttosto bene e si accinge ad essere inserito nella rosa della prima squadra di una Società genovese.
Giocherà il sabato.
Seguirò lui e camperò, come tutti i genoani, di pochi indelebili ricordi sbiaditi dal tempo.
E questo non te lo perdonerò mai, caro Prez
MAI

Circa l'autore