Seleziona Pagina

Regolarizzare

Regolarizzare

Ho letto Saviano, ma qui da regolarizzare mi pare ci sia un’intera filiera, e non solo l’immigrato che raccoglie l’ortaggio e la frutta del campo a 3/3,5 euro all’ora. Intanto come prima cosa non si capisce bene come sia possibile pagare la manovalanza in nero, senza versare contributi, nessun controllo? Intendenza di finanza e Guardia di Finanza, su tutto questo movimento di soldi in nero, dove era e dove è? Al bar se esco senza scontrino mi bloccano e pago un’ammenda io, come l’esercente, qui invece, nei campi di tomate, come di articiocche, entra l’immigrato, raccoglie ed esce con la paga in nero e nessuno ha mai pensato che il padrone del campo, per poter pagare in nero, venga a sua volta pagato in nero, sembra una zona extra territoriale, una terra senza IVA, senza fattura, con bolle d’accompagnamento più stringate d’un pizzino di Rina o di Provenzano. Da lì le cassette partono su camion, per raggiungere i mercati ortofrutticoli e, da quel che scrive Saviano, in mano alle ‘ndrine come alla mafia o alla camorra, in pratica, prima che arriviamo al banco ed allo scontrino del verduraio o del supermarket, la filiera è tutta in nero e non si sa bene, di questa filiera, chi sia il primo a prendere la merce in carico con fattura. Pare, da ciò che leggo, di poter continuare ad avere la fragola di contrabbando, ma nazionalizzata, grazie alla regolarizzazione dell’immigrato. O forse ho capito male?

Circa l'autore

IL LANTERNONE di Boccanegra

Pensionato, libero pensatore, nulla facente, amante dei cantieri dove poter suggerire agli operai il modo migliore per intervenire in tubature guaste e porvi rimedio, senza per questo essere brutalmente insultato. Se avanza tempo dipingo e scrivo brevi post su Faccialibro per amici trovati in rete, no perditempo