Seleziona Pagina

Questi, sono Medici

Questi, sono Medici

E’ difficile se non impossibile restare insensibili alle parole pronunciate da questo signore che non è un Medico, ma per me è molto più Medico di tantissimi altri che stanno dimostrando di non esserlo.
Se si guarda il video e si ascolta, si dovrebbero e sottolineo dovrebbero, capire un po’ di cose.
Si dovrebbe capire, che non esiste la volontà di curare per davvero le persone, ma si vuole fare ben altro.
Si dovrebbe capire, che ormai in questo nostro povero mondo comandano il Dio Denaro, gli interessi privati di pochi, la corruzione, la vigliaccheria che sfocia nel classico “tengo famiglia”.
Si dovrebbe capire e finalmente che il Covid-19 NON è un virus mortale ma una malattia che si può tranquillamente curare.
Se si vuole, se si volesse.
Si dovrebbe capire quali e quante menti criminali, dei veri e propri Psicopatici governano il Pianeta e decidono delle nostre e sulle nostre vite.
Si dovrebbe capire che a certa gente, politici compresi se non in primis, della vostra salute glie ne frega meno di un cazzo.
E se non lo si capisce, non è soltanto un problema personale, ma che riguarda e coinvolge anche tutti gli altri.
Tutti noi. Anche quelli che hanno capito e capiscono benissimo e che per colpa dei primi, per colpa vostra, ci rimettono e pesantemente anche loro. In primis, i Bambini.
Se non si capisce, consapevoli o meno, si diventa, si è automaticamente complici di questi criminali.
E se mi permettete, la cosa fa incazzare parecchio.

Come sempre in questi casi, oltre a mettere il link al video, mi permetto di salvarlo e di caricarlo.
Perchè, magari non ve ne siete accorti, ma You Tube, Facebook e adesso si stanno aggiungendo anche altri social, stanno facendo una strage di video e persone che dicono cose che “non piacciono” a questi criminali.
Aprite gli occhi, prima che sia troppo tardi.
Che è già, tardi.

https://www.youtube.com/watch?v=zQzlS4C0whQ&feature=youtu.be&fbclid=IwAR2399_yT98FTOw78Dsto57CHMXFaccVPO08OcN2AKFixTf3uOItm_vgKKo



Per gli specialisti del settore o solo anche appassionati del tema, qui ci sono i link che portano allo “studio” effettuato dalla Università di Oxford. Così potete controllare voi stessi, se questo signore conta delle musse.

https://www.recoverytrial.net/results

https://www.recoverytrial.net/files/recovery-protocol-v6-0-2020-05-14.pdf

Circa l'autore