Seleziona Pagina

Oggi parliamo un po’ di..

Oggi parliamo un po’ di..

Una cosa che sicuramente conoscerete già: Georgia Guidestones.
Come ben saprete o almeno molti di voi sanno, si chiama così un “monumento”, una sorta di 6 enormi lastre in granito alte ciascuna sei metri e pesanti 107 tonnellate, sulle quali sono incise delle parole. Ma soprattutto, vi sono incise “10 Regole”, che si potrebbero definire 10 Comandamenti su come dovrà e dico dovrà.. non dovrebbe, essere il nostro futuro, il mondo e quindi le nostre vite.
Si dirà: embè? Embè un corno, perchè questo monumento non è che sia tanto normale, sia per significato, sia per costruzione. Partendo dall’ultima, viste le dimensioni, non credo sia tanto facile costruire una cosa del genere e soprattutto metterla in bella vista.
E sì perchè intanto credo ci sia ben voluto qualche permesso e concesso da qualcuno, ma la cosa strana è che non si sa chi lo abbia finanziato, chi lo abbia ideato. Si sa una emerita cippa.
Per eventuali ragguagli basta andare a digitare Georgia Guidestones e si avrà tutto quel che serve.
Ora, ci sono parecchie cose strane in questo monumento. Oltre alla traduzione in diverse lingue, c’è persino un a frase scritta in BABILONESE, GRECO ANTICO, SANSCRITO E GEROGLIFICI EGIZIANI (non so se…) e a dati astronomici scritti sulla pietra, c’è appunto anche riportata questa frase: Lascia che queste pietre-guida conducano a un’era della ragione.
Ora, c’è chi dice che tutto ciò, monumento compreso, sia l’emblema di quello che viene chiamato Nuovo Ordine Mondiale, ma qui mi fermo perchè entreremmo in un campo da cui difficilmente uscirne e per molti sarebbe anche roba da Complottisti.
Io voglio solo soffermarmi sul primo dei “Dieci Comandamenti”presenti su questa sorta di Stonehenge dei tempi nostri: Mantieni l’Umanità sotto 500.000.000 in perenne equilibrio con la natura.
Se non si fosse capito, si sta dicendo, “comandando”, un ordine: la popolazione mondiale DEVE essere di 500 milioni. Fine.
Ora, anche un Bimbo sa che siamo più di sette miliardi su questa Terra.
C’è da aggiungere altro? Non credo. Io trovo questa frase semplicemente agghiacciante.
Si dirà: Embè? Embè sta funcia, perchè a parte la gravità di una simile affermazione e che presuppone l’eliminazione fisica di almeno sei miliardi di persone… l’Embè avrebbe senso se fossero solo parole scritte su un pietrone.
Il problema è che sono state scritte e anche pronunciate in pubblico da alcuni dei più importanti personaggi che deambulano e ancora in questo nostro bel pianeta.
Potrei fare un sacco di nomi, ma se ogni tanto faceste qualcosa anche voi nel caso foste interessati o incuriositi sarebbe mica male. Basta navigare un po’ in rete e spunteranno fuori nomi e anche cognomi e non son nomi da un tanto al chilo
E vedrete che si aggiungeranno frasi assolutamente agghiaccianti, pensieri orribili espressi da questa gente.
Quindi, concludendo, c’è un simile monumento, pesante più di 100 tonnellate, messo tranquillamente in bella vista, non in una radura alla falde del Kilimangiaro, ma nella Contea di Elbert, in Georgia, Stati Uniti d’America.
E che dice, afferma, impone, che più di 500 milioni su questa pianeta non dobbiamo essere.

Circa l'autore