Nuova diga foranea

Nuova diga foranea

E allora, Caro Di Traverso, proseguiamo, perché è di oggi l’uscita su IL SECOLO XIX del piano Bucci, consegnato il 2 Luglio a Conte che, grazie al Recovery Fund, dovrebbero far planare 5 miliardi su Genova, naturalmente dopo il secondo semestre del 2021. Il video di Ferrero del 14 Aprile 2019, rimane quindi fresco, vitale, per una città che chiede e chiede talmente tanto da far venire in mente ciò che diceva il mio papà: dice di spegnere un incendio pisciando sulla cenere, oppure: mangia tronchi per cagare segatura, ma del piano ciò che salta all’occhio, in un mondo che cambia, è la diga foranea da un miliardo, quando la marineria sta già rivedendo i piani del dopo Covid 19 e che sul gigantismo navale sta facendo riflessioni ad alta voce, non tanto sulla portata delle mega porta container, ma in principal modo sull’attracco e sui tempi di tocca e leva in banchina che già solo grazie alla Dogana italica possono stazionare comodamente anche 3 giorni, al di là del collo di bottiglia logistico che già orograficamente rappresentiamo. E quindi qui, siamo già vecchi, ancora prima di mettere in piedi un progetto, ci resta solo l’acquolina in bocca, per il miliardo e diciamo che con 10 milioni per il progetto, ci può uscire qualche bruscolino per tutti, ma restiamo vecchi, mentre il Recovery Fund, per i meno preparati, serve solo per cambiare il Paese, cosa che purtroppo all’Italia, non farà nemmeno tanto bene. Qui a Genova e per il Porto, poteva andare bene ripresentare il progetto per far diventare il Porto di Genova una grande Zona Franca, ma i costi sarebbero risultati di gran lunga inferiori al miliardo, trattandosi di mera burocrazia: basterebbe un papelitto governativo e tanti fanulla, legati al gigantismo navale, come diversi terminalisti che stringono le palle al sistema portuale genovese, potrebbero andare comodamente per cartoni. La chiudo qui e non proseguo, visto che più o meno, pariamo la stessa lingua. Buona giornata e sempre bravo Ferrero, ci ha messo meno di un amen per capire come è veramente Genova ed i genovesi: “Sognavo la finale di Coppa Italia come premio per il culo che mi faccio in sta cazzo di città” , e questa è pure precedente al 14 Aprile 2019.

Circa l'autore

IL LANTERNONE di Boccanegra

Pensionato, libero pensatore, nulla facente, amante dei cantieri dove poter suggerire agli operai il modo migliore per intervenire in tubature guaste e porvi rimedio, senza per questo essere brutalmente insultato. Se avanza tempo dipingo e scrivo brevi post su Faccialibro per amici trovati in rete, no perditempo