Seleziona Pagina

Infarto e tumore battono Covid 10 a 0

Infarto e tumore battono Covid 10 a 0

Lo capite, lo si capisce quanto siano folli tutti questi provvedimenti, quanto sia criminale averli attuati, quanto sia da insensati andargli dietro e seguirli?
Il succo è che per preservare da un Virus influenzale una ristrettissima cerchia di persone, perlopiù di età molto avanzata, e che ha provocato dati alla mano forse nemmeno un centinaio di morti su una popolazione di 60 milioni di persone, si provoca la morte di migliaia di altre persone e al contrario di prima, anche ragazzi e bambini.
E si perchè il Cancro viene anche ai Bimbi, a differenza del Gino Virus che non li sfiora nemmeno.
L’infarto colpisce anche un ragazzo di vent’anni.
18.000 casi di cancro in più dell’anno precedente e 300.000 persone che non possono essere curate a dovere e salvate da infarto perchè c’è questo cazzo di Gino Virus che oltre ad essere oggi perfettamente curabile ne ha uccise e ne uccide infinitamente meno?
Ma ci siamo col cervello o no?
Per salvarvi da un’influenza rischiate di morire per infarto. O di Cancro.
Geniale. Geniali.


È triplicata la mortalità per infarto in Italia, secondo uno studio condotto dalla Società Italiana di Cardiologia (SIC), illustrato da Ciro Indolfi Ordinario di Cardiologia Università Magna Graecia di Catanzaro, condotto in 54 ospedali italiani e in corso di pubblicazione sulla prestigiosa rivista European Heart Journal.

La mortalità, tre volte maggiore rispetto allo stesso periodo del 2019, è passata al 13.7% dal 4.1 %. Gli esperti avvertono: abbassare la guardia sulle malattie cardiovascolari, responsabili di circa 260 mila decessi ogni anno, e non ricostruire la rete dell’emergenza cardiologica, potrebbe causare più morti che per Covid-19

Secondo Indolfi, “l’attenzione della sanità su Covid-19 e la paura del contagio rischiano di vanificare i risultati ottenuti in Italia con le terapie più innovative per l’infarto e gli sforzi per la prevenzione degli ultimi 20 anni”.

Il cattedratico sottolinea che “l’organizzazione degli Ospedali e del 118 in questa fase è stata dedicata quasi esclusivamente al Covid-19 e molti reparti cardiologici sono stati utilizzati per i malati infettivi. Inoltre, per timore del contagio i pazienti ritardano l’accesso al pronto soccorso e arrivano in ospedale in condizioni sempre più gravi, spesso con complicazioni aritmiche o funzionali, che rendono molto meno efficaci le terapie che hanno dimostrato di essere salvavita come l’angioplastica primaria”.

Inolfi avverte che “se questa tendenza dovesse persistere e la rete cardiologica non sarà ripristinata, ora che è passata questa prima fase di emergenza, avremo più morti per infarto che di Covid-19”. 

Lo studio multicentrico nazionale, è stato  condotto per valutare i pazienti acuti ricoverati nelle Unità di Terapia Intensiva Coronarica (UTIC), nella settimana 12/19 marzo, durante la pandemia di Covid-19, confrontandola con quella dello stesso periodo dello scorso anno. 

La ricerca, durante il periodo Covid, ha registrato una mortalità tre volte maggiore rispetto allo stesso periodo del 2019: è passata al 13.7% dal 4.1 %. Carmen Spaccarotella, coautrice dello studio, sotiene che l’aumento è “dovuto nella maggior parte dei casi a un infarto non trattato o trattato tardivamente. Infatti, il tempo tra l’inizio dei sintomi e la riapertura della coronaria durante il periodo Covid è aumentato del 39%”.

“Questo ritardo è spesso fatale perché nel trattamento dell’infarto il tempo è un fattore cruciale”, sottolinea Spaccarotella. L’età media di questi pazienti infartuati è stata di 65 anni. All’aumento della mortalità è associata una “sorprendente” riduzione dei ricoveri per infarto superiore al 60%.

“Il calo più evidente ha riguardato gli infarti con occlusione parziale della coronaria ma è stato osservato anche in ben il 26,5% dei pazienti con una forma più grave d’infarto – afferma Salvatore De Rosa, coautore dello studio –. La riduzione dei ricoveri per infarto è stata maggiore nelle donne rispetto agli uomini e non solo i pazienti con infarto si sono ricoverati meno ma quelli che lo hanno fatto si sono ricoverati più tardi”. 

Nonostante la pandemia Covid 19 si sia concentrata nel Nord Italia, la riduzione dei ricoveri per infarto è stata registrata in modo omogeneo in tutto il Paese: Nord e Sud 52,1% e 59,3% al Centro. “Questo dato ci colpisce perché mentre al Nord era logico attendersi una riduzione dei ricoveri, al Sud, dove la percentuale dei contagi è stata significativamente più bassa, la paura di accedere ai servizi sanitari risulta meno coerente in quanto i letti erano disponibili e rimasti non utilizzati”, aggiunge De Rosa. 

Una riduzione simile a quella dei ricoveri per infarto è stata registrata anche per lo scompenso cardiaco, con un calo del 47% nel periodo Covid rispetto al precedente anno. Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della SIC, sottolinea che “la riduzione dei ricoveri per scompenso cardiaco è stata simile tra gli uomini e le donne. Una riduzione sostanziale dei ricoveri – prosegue filardi – è stata osservata anche per la fibrillazione atriale con una diminuzione di oltre il 53 % rispetto alla settimana equivalente del 2019, così come è stata registrata una riduzione del 29,4% di ricoveri per malfunzione di pace-makers, defibrillatori impiantabili e per embolia polmonare”. 

Dati che spingono la SIC a mobilitarsi. “È necessario ora – avverte Ciro Indolfi  – ricostruire la rete dell’emergenza per tutte le patologie cardiovascolari tempo-dipendenti, ripristinare i letti e gli ambulatori di cardiologia utilizzati in questo periodo per Covid-19 e soprattutto non sottovalutare i sintomi, come ad esempio il dolore di tipo costrittivo al petto o difficoltà respiratorie e rivolgersi subito al 118. È anche fondamentale non abbassare mai la guardia e, anzi, aumentare l’attenzione sulle malattie cardiovascolari responsabili di circa 260.000 decessi ogni anno”, conclude. 

Ogni tanto anche Sgarbi merita applausi.


Circa l'autore