Il Van Gaal di Bèrghem

Il Van Gaal di Bèrghem

Sto parlando dello Scienziato pluri laureato in materia calcistica Lussana.
Ne parlo e rispondo, perchè è lui che si è rivolto a me, essendo io uno dei tanti che pensa essere Motta un ottimo allenatore e che è facile possa diventare anche un grande, Allenatore.
Rispondo perchè il Van Gaal di Berghèm oltre ad aver usato dei toni decisamente irritanti nei confronti di Thiago appunto, ha praticamente dato del coglione a me e a tutti quelli che la possono pensare come me.
Invitandoci, anzi, esortandoci, a smetterla.
Bene.
Allora caro Maximiliam I e non le do nemmeno del tu perchè il tu lo do a persone che conosco o che stimo, intanto le dico che essendo un seguace del Lombroso come lei ha avuto modo di sapere.. secondo me quando si giocava da ragazzi in piazzetta, a lei la mettevano in porta.
Se ciò fosse vero, ma il Lombroso direbbe di sì, lei, un pallone da calcio sa nemmeno cosa sia e non ha la benchè minima idea di cosa ci si possa fare con i piedi.
Ma nel caso invece lei fosse stato più bravo di Di Stefano, le dico lo stesso che quei toni e quel modo di appellare le persone, li vada ad usare con sua sorella.
Nel caso ne avesse una, se no l’invito vale fino a parentela di terzo grado, a scelta.
Lei dice che il problema sono io, cioè quelli come me e che dobbiamo smetterla di parlare bene di Thiago Motta.
Per me invece, il problema è chi ha avuto la brillante idea di mandarla qui, a Genova e ad interessarsi di Genoa.
Perchè a me, senza offesa eh? che arrivi uno da Bergamo e passando per Roma, a dirmi che sono un imbecille e che la devo pure piantare, non mi garba nemmeno un po’.
Pertanto come si diceva nell’Antica Babilonia, se lei si facesse un po’ più i cazzi propri sarebbe una gran bella cosa e renderebbe sicuramente felici molte persone.
A me di sicuro.
Inoltre, sarei curioso, ma nemmeno tanto vista l’attendibilità della sua Sapienza Calcistica, cosa dovrebbe dire a uno come il suo a quanto pare tanto amato Claudius Claudio Ranieri, visto che ne viene da TRE sconfitte consecutive e giocando nemmeno alla lontana di come sta giocando il Genoa di Thiago Motta.
Non so se lei sia in grado di capire e cogliere la differenza che esiste tra come gioca la Sampedoria e il Genoa, ma sicuramente sa e capisce molto bene l’italiano.
Pertanto, pensi e seriamente, di allietare i tifosi bergamaschi o quelli romani con le sue acute osservazioni e consigli tecnici.
Lasciando così in pace il secondo lei povero Thiago Motta, il Povero Genoa e gli imbecilli come me.
Ci pensi.
Non vorrei mai che un giorno fosse costrizione.

P.S. Sempre seguendo Il Lombroso, non mi sembra che lei abbia sembianze e atteggiamenti da Charles Bronson, ma nonostante questo sono sicuro che appena avrà occasione di incontrare Thiago Motta gli dirà le stesse cose e con lo stesso tono, di persona.
In faccia.
Nel caso si porti dietro una video camera.
Con immutata stima, la saluto.



LA PUNTINABASTA CON THIAGO SULLA PELLE DEL GENOA SUBITO BALLA PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI ERRORI DI PREZIOSI FOTOCOPIA…

Posted by Massimiliano Lussana on Sunday, December 8, 2019

Circa l'autore