Seleziona Pagina

ESSERE O NON ESSERE GENOANI

ESSERE O NON ESSERE GENOANI

Lo metto in chiaro subito spero ci acquisti un cinese.
Così tutti a contestare a Pechino…. sai che figata……
Leggo di tutto in giro per la rete. Anche se sarebbe molto più salutare non leggere alcunchè.
Rischio fallimento imminente; debiti… dimenticando, ovviamente, i crediti, attivo e passivo; la dignità dei tempi passati: era meglio quando si stava peggio; ha preso x avrebbe dovuto prendere y, ha preso y avrebbe dovuto prendere x.
E così via.
In tutta franchezza ora che sono nell’età della maturità posso sinceramente affermare che prima dell’avvento di Preziosi ho visto solo tanta tanta merda calcistica compresa una società più e più volte con le pezze letteralmente al culo senza neppure più i mobili della sede.
E siccome non dimentico ma qualcuno scrive e parla di dignità a sproposito penso e ritengo che lo stesso abbia vissuto in un mondo parallelo e distopico.
Io so solo che questo “grande farabutto” al vertice del Genoa è il Presidente perfetto per i tempi in cui viviamo.
Insultiamolo pure ci sta e se li merita per i risultati disastrosi degli ultimi anni, ma mai bisognerebbe dimenticarci di chi eravamo noi prima.
E, pure ora, chi siamo ?
Compra questo, compra quello……. fai schifo bastardo……… me lo dai un biglietto omaggio…….. Preziosi e famiglia andatevene affanculo…….. Ah presidente possiamo vendere sciarpe birra e panini alla festa del Genoa?……… Grazie Presidente!…… Rotto in culo ladro farabutto vattene!…….. Ladro di sogni!”
Ecco quello che siamo,
Una tifoseria che si comporta così è la giusta espressione di una città di cadaveri, senza speranza. Il giusto specchio di un paese in putrefazione.
E pretenderemmo anche di fare la morale a Preziosi…..noi…..
Ma per piacere!
Ed inoltre secondo voi ci accontenteremmo di lavorare con dedizione, con dignità, con il semplice orgoglio di far parte della squadra più antica in Italia?
Ma per piacere a chi la raccontate!!!.
Noi vogliamo vincere.
E basta.
Possibilmente con i soldi degli altri.
Siamo esattamente come tutte le altre tifoserie, nè più né meno .
I cori, le coreografie la bandiera sono tutte belinate.
Quello che conta in questo fantastico mondo del calcio è vincere.
E fottere gli altri.
Farsi vedere privilegiando l’apparire all’essere.
E parliamo di Presidenti….. se poi pensiamo all’ultimo grande Presidente Juan Culiolo che nel 1937 (mio padre neppure era nato) ci fece vincere l’ultimo Trofeo… altro che farabutto…. impelagato mani e piedi nei traffici del carbone, nell’edilizia, nel commercio doveva le sue fortune alle conoscenze, alle amicizie con il Regime Fascista……
Come vedete nulla di nuovo…..
Ma dove vogliamo andare…

Circa l'autore