Eh già…

Eh già…

Mercoledì sera sono uscito e anche per festeggiare un po’ i tre punti.
Niente di che, non ho fatto cortei e tantomeno strombazzamenti di clacson, ma sono andato a prendermi un po’ di fresco pe moddo de dî oltre a un bel drink insieme ad un amico.
La cosa è stata ancora più piacevole perchè si era contornati da colori meravigliosi: Rossoblu.
E’ sempre bello non avere davanti agli occhi colori che ti fanno venire la labirintite.
Festeggiare appunto, ma non tanto perchè si era vinto un Derby, cosa sempre piacevolissima ed importante, ma perchè si era appunto vinto e quindi, si erano portati a casa TRE punti.
Voglio dire, la contentezza c’era per questo e non tanto perchè si era vinto contro la samp visto che quei TRE punti sono stati talmente importanti a prescindere ci fosse la sanpedoria, il Bologna o il Messina.
Della partita dico niente se non un bravo a tutti.
E se proprio dovessi sbilanciarmi con qualcuno, faccio il nome di Jagiello.
Belin sto ragazzo oltre al gol contro il Lecce anche ieri sera ha dato veramente il sangue in campo e il tutto è culminato nel suo ostinarsi a difendere e a portar via il pallone a un difensore blucerchiato, cosa che ha permesso a Lerager di segnare il secondo gol.
Continua così ragazzo.

Essendo un Derby per modo di dire perchè senza Tifo e tifosi sugli spalti, di questo non si può dire alcunchè.
Chi ha urlato di più, chi ha tifato e cantato di meno, qual è stata la miglior coreografia, anche se quest’ultima è una domanda pleonastica e da sempre, visto la qualità e la perfezione di quelle genoane.
Fatevene una ragione cari iperpolicromati: è così.
Ma la gioia più grossa è stata quella di immaginare le facce dei sandoriani al fischio finale.
Lo so, che eravate sicuri, lo so che non aspettavate altro che di renderci il Boselli Day.


E vi capisco, poichè al vostro posto lo avrei fatto anche io, anche noi.
Il problema è che anche quest’anno il Boselli Day rimarrà solo e soltanto un Incubo per voi.
Non c’è nessuna vendetta, nessun pan per focaccia.
Anche questa volta ve lo siete presi nel sottocoda.
E muti. Tutti a casa.
E se per caso dovessimo andare in B, cosa che pare sempre più difficile, non ci saremo andati per ‘merito’ vostro.
Quella è una soddisfazione che fino ad oggi possiamo avere soltanto noi.
Vincere un Derby, al 96esimo e pure con questo mandare l’altra Squadra in Serie B credo sia il sogno di chiunque.
Non avete nemmeno idea del Godimento che si prova.
Ma non prendetevela, sù col morale, magari sarà per la prossima.
Intanto, noi, per adesso, siamo ancora qua.
Eh già.




Buona visione.

Circa l'autore