Seleziona Pagina

Conta più un Cane di un Bimbo

Conta più un Cane di un Bimbo

Premessa: non me lo menate col fatto che io non ho rispetto per i Cani e per gli animali in genere, perchè ne ho e credo di averne nei loro confronti molto di più di tanti “cinofili” e che riempono il web con le foto dei loro “pelosetti”.
Se parlate il Cagnolese, chiedetelo a loro, ai Cani, quando mi vedono come si comportano con me. E come io mi comporto con loro.
Detto questo, chi mi legge o mi ascolta, sa come la penso in generale su quanto accade causa Covid-19 e anche sul Virus stesso, pare che la “Quarantena” che per me, mia opinione, è più una Galera e forzata, sarà protratta fino a Maggio. Probabilmente, fino a fine Maggio.
Ora a parte che non so se ci riuscirà visti i possibili e non auspicabili disordini in strada e ovunque -perchè di gente senza un centesimo in tasca, chiusa in casa, ce n’è a tonnellate, e non ce la fa più- vado al titolo del post.
A parte che non mi risulta ci siano casi e in numero rilevanti di giovani, pensa bambini, morti e ripeto MORTI per Covid-19 (e ci sono delle spiegazioni per questo ndr) ma magari si hanno altre notizie in merito e più precise, io penso che tenere chiuso in casa un bambino e non di dieci undici dodici anni che sarebbe già un casino, ma di tre quattro cinque anni, per mesi, sia una follia, una cosa addirittura contro Natura.
E mi stupisce che non si pensi ai danni psicologici, al trauma che un Bimbo può avere e subire per via di questa specie di farsa. Perchè, a quell’età oltre a bisogni fondamentali di moto e di scaricare energia, non lo si capisce il perchè si debba stare in casa.
Non lo capiscono, non lo possono capire anche se glie lo spiega la Maestra più brava e competente del mondo. E siccome forse l’unico modo per farglielo capire è dirgli “che fuori c’è una cosa cattiva, c’è il Babau”… cresceranno anche con questo trauma e col terrore di poter incontrare un nemico invisibile o visibile che sia.
Io penso, che si ragioni troppo da grandi e non più da Bimbi, per ovvie ragioni.. e quindi non ci si mette più nei panni di un bambino, di cosa può pensare, di cosa può provare, di cosa può subire da comportamenti che noi riteniamo invece non solo utili ma necessari.
Detto questo, siamo alla FOLLIA e TOTALE, sempre secondo me, che un Cane può uscire a far due passi. Un bambino, no.
Quindi follia doppia, perchè un potenziale “Untore” e cioè una mamma o un papà possono svolgere il loro ruolo e cioè di impestare tutti (secondo voi e il governo) se hanno un cagnolino o un Molosso da 90 chili.
Se hanno un figlio di pochi anni, diventano dei criminali. E il figlioletto una vittima. Un recluso e totale.
Molti ragionano in merito a tutto questo, a questo mio pensare col “Tanto che ci frega…sto bene io e affanculo gli altri”, ovviamente rivolto a chi, secondo loro, facendo uscire il proprio bimbo o i bimbi in generale, sia animato da profondo menefreghismo nei confronti del prossimo e che sta pure chiuso in casa.
Mi permetto di dire, che questo potrebbe essere interpretata anche nei confronti dei Bimbi: io sto bene, o meglio. io voglio stare bene e affanculo tutti i bambini.
Perchè qui, per quanto orribile e tremendo quanto si vuole SE e ripeto SE si muore PER Covid-19, quelli che muoiono sono i “grandi”, direi pure anziani se non vecchi.
E con patologie pregresse anche gravi.
Moriamo noi, non i Bambini.
Stiamo salvando il nostro culo, non quello dei Bambini.
Stiamo pensando a noi, non certo a loro.
Questa, per me, è la verità.
E adesso massacratemi pure.

Circa l'autore