A tutti i giornalisti

A tutti i giornalisti

O presunti tali. Qui avete un video, ma è solo uno dei tanti esempi di quello che pensano persone e giornalisti dalla schiena dritta, e che se appunto aveste un po’ d’orgoglio (sì ciao) come dice Massimo Mazzucco, dovrebbe almeno toccarvi profondamente, se non farvi venire voglia di guardarvi allo specchio e poi sputarci sopra.
Ma siccome queste cose le sapete benissimo e purtroppo lo sanno anche coloro che nonostante questo continuano a darvi credito e letture, so già che voi, ve ne batterete il culo. Ve ne fottete altamente.
Perchè se aveste un minimo di orgoglio personale, di Dignità e anche professionale, non ci sarebbe bisogno di video come questo.
Io, nel mio piccolissimo, nel mio nulla contare, sono vent’anni anni che dico che siete oltre che una Casta, anche persone che mi fate anguscia, come di dice qui a Zena. Anche se non tutti ovviamente.
Perchè siete voi, come categoria, il problema di ogni Paese che oltretutto si dichiara libero e democratico.
Voi non avete idea dei danni che provocate, degli enormi danni che fate alla Gente. Al così detto popolo.
O forse sì.
So, che molti italiani non guardano i video, perchè magari troppo lunghi o perchè non ne sono interessati e quindi per questo diventa una pratica noiosa se non fastidiosa.
Capisco e ci sta pure, visto che il tempo come si dice è denaro e di solito se ne ha poco.
Anche se quel poco molto spesso viene impiegato per guardare altri video o nell’impegnarsi a risolvere difficilissimi Test che attestano il Q.I. con punteggi quasi sempre da Einstein o per conoscere lati oscuri della personalità a causa del preferire il latte macchiato piuttosto che il caffè freddo.
Ci sta ed è lecito e legale il farlo e pure con tanto impegno.
So, che proprio per questo c’è chi preferisce lo scritto, il leggere al posto del guardare, ma anche qui a volte sorgono un paio di problemi: spesso si ama leggere cose brevi, magari solo i Titoli e anche qui capisco benissimo: il tempo.
Ma è anche vero ed è frutto di una ricerca scientifica, che gli analfabeti funzionali in italia siano davvero tanti.
Nell’attesa che tutti i video siano accompagnati anche dalla traduzione scritta, per adesso accontentiamoci di un video.
Che secondo me, è da vedere.
Specie, se di lavoro si fa il giornalista. O presunto tale.

P.S. Non so se Sara Cunial sia la nuova Giovanna D’Arco dei nostri tempi, ma le do atto che di conferenze di questo tipo ed effettuate nella sala stampa della Camera dei Deputati ne sta organizzando parecchie.
Tutte scomode a chi governa e a quanto si vede anche ai giornalisti, visto che nè sui giornali e tantomeno in TV se ne vede traccia.
CVD.

https://www.luogocomune.net/17-politica-italiana/5571-appello-ai-giornalisti




Circa l'autore